CAPITOLO D’INVESTITURA A PALAZZO BORGHESE – 9 MAGGIO 2015

Reale Ordine Dinastico dei Cavalieri di San Giovanni piccoloLa prima cerimonia dell’era moderna del Reale Ordine Dinastico Aragonese dei Cavalieri di San Giovanni (R.O.D.A.) è stata celebrata il 9 maggio 2015 nel magnifico Palazzo Borghese in Via Ghibellina in Firenze.

Il Gran Maestro dell’Ordine S.A.R. Don Thorbjorn Paternò Castello di Carcaci, di Ayerbe, di Aragona, dei Principi di Emanuel etc…, coadiuvato dal Gran Cancelliere Don Delio Cardilli Conte di Barracas e dal Governatore dell’Ordine Don Giovanni Guerrieri Principe di Castelsardo, acclamato e circondato dall’affetto e dal rispetto dei Postulanti, ha elevato al grado di Dama o Cavaliere 32 nuovi membri del R.O.D.A. che hanno giurato di rinverdire le gesta di quanti nel passato hanno combattuto e difeso i valori cristiani ponendosi a baluardo contro le invasioni dei Mori nella penisola Iberica ed impedendo agli stessi di dilagare nel resto dell’ Europa.

IL GOVERNATORE

Castelsardo definitivo piccolo1 (2)Don Giovanni Guerrieri Principe di Castelsardo, Conte di San Angelo, Barone di Satriano di Lucania

Nato a Roma nella Nobile Famiglia Guerrieri Conti di San Angelo Le Fratte il 12 ottobre 1946, è stato sin da bambino educato dal padre Don Eugenio al rispetto ed all’amore del prossimo ponendo l’onestà e la verità alle basi dei propri valori morali.

Gli antenati diretti di Don Giovanni hanno a volte sacrificato la loro esistenza e la loro vita in una lotta costante contro la tirannia e le angherie verso i più umili a partire già dal lontano 1048 quando, su ordine di Roberto il Guiscardo, Enrico Guerrieri sconfisse in una epica battaglia le forze dei Mori sbarcate in Puglia ottenendo in premio la Contea su menzionata. Tra i tanti antenati più recenti, quello più amato e preferito dal Principe di Castelsardo è quel Giovanni Antonio che partecipando attivamente ai moti rivoluzionari del 1848, catturato fu condannato a 20 anni di lavori forzati, ridotti poi a sette in ossequio alla sua nobile famiglia.

Protetto: IL GRAN CANCELLIERE

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

IL GRAN MAESTRO

stemma paternò miniaturaIl Gran Maestro del Reale Ordine Dinastico Aragonese è il Capo di Nome e d’Arme della Real Casa Paternò Castello di Valencia e Sardegna nella persona di Sua Altezza Reale il Principe Reale Don Thorbjorn Paternò Castello Guttadauro di Valencia d’Ayerbe d’Aragona di Carcaci e d’Emmanuel.

Nato nel 1976 a Monldal in Svezia, all’età di 31 anni è diventato Gran Maestro degli Ordini Equestri di Famiglia, la successione è stata voluta dal padre il Principe Reale Don Roberto II.

Il lettore non superficiale si chiederà come mai in tra le linee della Casa Reale ci siano due Principi pretendenti e Capi di due diverse Case Reali.

Già una volta tra tutte le linee della Casa Paternò, è stata scelta una linea cadetta e segnatamente quella Paternò Castello e Guttadauro, Principi d’Emmanuel.

IMG-20120623-00242Ricordiamo che la scelta venne fatta mediante un’actio familiare in Palermo il 14.6.1853, alla quale intervennero tutti i Capi dei vari rami Paternò e sono noti i precedenti per cui una famiglia principesca o reale, regola autonomamente le proprie leggi di successione.

Nel Patto di Famiglia, steso per rogito del notaio Gioacchino Accardi, è detto che Don Mario fu scelto come rappresentante delle regali pretensioni della Casa, perché era “il solo in cui il sangue reale aragonese circolava due volte”: come Paternò e come Guttadauro.